co-chipin

Co-Chipin

Io ti racconto cosa ho visto, tu promettimi di provare a immaginare. Ok?
Sulla parete adiacente alla porta d’ingresso, c’era una vecchia cartina politica dell’Italia. Avete presente quelle che si utilizzavano un tempo nelle scuole elementari? Intendo una di quelle anni ’90, ecco. Esattamente una di quelle. Io ne ho vista una proprio lì, appesa al muro con i bordi sfrangiati. Aprendo un po’ lo sguardo, verso il centro dell’aula, c’erano dei libri con le pagine ingiallite e le copertine un po’ arricciate dall’umidità, delle sedie impolverate e dei banchi. Vi ricordate quelli in legno? Quelli che ti sfilavano sempre le calze e bucavano le magliette. Poi sul muro opposto alla cartina politica dell’Italia c’era un armadietto con i vetri opachi e le ante socchiuse. Dentro era pieno di vecchi quaderni. So che stenterete a crederci, ma quando abbiamo riaperto le aule del primo piano, era tutto in ordine. Come se, qualcuno, sapeva che prima o poi quelle aule si sarebbero riaffollate.
Dopo le abbiamo pulite, rimesse a nuovo e abbiamo pensato di rimetterle a disposizione di tutti.
“Co-chipin” è il progetto che coinvolge le aule del primo piano. Si rivolge a quei gruppi informali e non, che cercano una sede per il lavoro d’ufficio, incontri o semplicemente networking. “Chip-in” in inglese esprime il concetto di azione, l’intervenire in qualcosa per dire la propria contribuendo ad un’azione collettiva. Spazio13 risponde all’esigenze di creare un luogo in cui la rete di relazioni tra chi lavora sul territorio, gestisce progetti di comunità contribuisce a creare valore sociale e culturale, diventi il modello di un modo di approcciarsi all’attivismo e alla partecipazione.

Si attiva con una membership, per ulteriori info scarica il regolamento o scrivi a info@spazio13.org

Contattaci

Lasciaci un messaggio e ti contatteremo al più presto.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt